Articoli

Sogno Lucido

Gen 19, 2021 No Comment

Sogno Lucido

Ogni cosa vivente evolve o lentamente muore. È così per gli uomini, per le piante, per i batteri, le stelle, i pianeti, le galassie e per gli esseri consapevoli privi di corpo fisico. Si sale o si scende. Nulla rimane a lungo allo stesso livello.

Lavorare su stessi vuol dire imparare a conoscersi e ad accettarsi, portare attenzione alle piccole cose fondamentali della nostra esistenza materiale. Ma c’è molto altro. C’è un vasto oceano di mondo psichico. Un pantano complesso, profondo quanto il DNA del genere umano. Da questa palude non se ne esce fortuitamente. Il labirinto è tortuoso ed ha una sola via d’uscita e si deve avere la capacità di sviluppare una visione molto ampia della propria esistenza, una visione che vada ben al di là del nostro piccolo sé, se la si vuole trovare. La soluzione è sempre ad un livello più alto del problema.

Quando ero piccolo amavo osservare le formiche dall’alto. Le scrutavo a lungo, incuriosito e perplesso. Mi chiedevo se provassero paura quando avvicinavo il mio dito al terreno. Avevo la sensazione che mi ignorassero completamente. Talmente assorte nel loro mondo meccanico fatto di regole e lavoro costante, che non avevano nemmeno il tempo di chiedersi se ci fosse qualcosa al di là delle loro antenne, al di là del loro nido. Forse non avevano nemmeno tempo per la paura. È così che ho deciso di prendermi tutto il tempo necessario per sentirla quella paura, per vederlo quel dito gigante sopra di me pronto a schiacciarmi senza pietà ad ogni passo. È così che ho cominciato a vedere e percepire la via di fuga dalla meccanicità di tutti i giorni…

Al momento della nascita la nostra consapevolezza viene lentamente incapsulata. La realtà di tutti i giorni diviene sempre più coercitiva. Un sorriso dolce materno diviene suono, poi parola, frase, sentenza e, infine, giudizio. Veniamo lentamente ingabbiati in un mondo di schemi rigidi e alienanti.

Nasciamo con la capacità di imparare a sognare e gli adulti ci insegnano a sognare nel modo in cui sogna la società”.*

Accettare l’ipnosi collettiva sembra essere l’unico modo per sopravvivere. Se il ‘dito’ non lo vedo, allora forse non esiste. Il corpo fisico che dovrebbe essere un semplice punto di riferimento, una stazione di riposo per la consapevolezza, diviene una prigione da cui lentamente diviene impossibile fuggire.

Come corpo fisico, abbiamo il diritto al benessere, al bello, al buono. Il problema è che noi non siamo composti solamente da materia fisica e quindi non può esserci e non ci sarà mai nessun ‘benessere’ e nessuna ‘salute’ fin quando non potremo unire, fondere, sintetizzare i nostri due lati: spirito e materia.

Il Lavoro sulla coscienza e sulla consapevolezza ad un certo punto deve convergere. Se non posso controllare e sostenere il mio corpo fisico, incluso il suo mondo psichico, non sarò in grado di controllare e sostenere lo Spirito. Entrambe le linee di Lavoro devono procedere quanto più armoniosamente possibile. Non posso negare l’esperienza fisica, né quella spirituale. Fusione, sintesi, catarsi. Siamo esseri duplici e finché non avremo infranto il sigillo che ci separa, non saremo liberi. Ma se anche fossimo davvero liberi, le domande successive sarebbero: liberi di fare cosa? Di andare dove?

Giovedì 28 gennaio 2021
dalle ore 20 alle 21
Incontro online dedicato al sogno lucido.

Per partecipare cliccate questo LINK qualche minuto prima dell’incontro
(se è la prima volta che utilizzate Zoom collegatevi almeno 10 minuti prima in caso dobbiate scaricare l’app o i plug-in necessari)

Passcode
dream

Meeting ID 
(in caso di necessità)
836 7253 3199

Sognare è la principale funzione della mente: essa sogna ventiquattr’ore al giorno, sia quando il cervello è sveglio, sia quando dorme. La differenza è che durante la veglia esiste una struttura materiale che ci fa percepire le cose in modo lineare. Quando ci addormentiamo quella struttura scompare e il sogno ha la tendenza a cambiare continuamente”.*

L’intento di questo incontro è condividere materiale, esperienze e storie di potere.

Il passo successivo sarà quello di creare un gruppo di lavoro, per il momento online, con persone disposte a confrontarsi seriamente e senza riserve con la domanda delle domande: Io, chi sono?

Benvenuti nel nuovo inizio.

Fabrizio Agozzino

La mente intuitiva è un dono sacro. La mente razionale è un servo fedele. Abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono”.**

* Don Miguel Ruiz, I quattro accordi
** Bob Samples su Albert Einstein nel libro “The Metaphoric Mind: A Celebration of Creative Consciousness”

You Might Also Like

Buddha ha detto

Il Diavolo

L’arte della condivisione: lavorare con Whatsapp

Karma individuale

LA QUARTA VIA

Guadagnare da ogni esperienza

Etica e Quarta Via

Oltre il Sogno

Tempo Esoterico

Dover credere…

Le strane coincidenze della vita

Scopi ed Esercizi

Scuole e gruppi di lavoro

La fede nel Lavoro

Sfide esoteriche

Workshop on-line in video conferenza

Arcani Maggiori

Bisogno di menzogna!

Anno sociale 2018-2019

Arcani maggiori: il Papa

Per breve tempo

Whiplash

ARCANI MAGGIORI & MINORI

L’Imperatore

Note sulla decisione di dedicarsi al Lavoro

Trarre profitto da tutto

Auto osservazione e conoscenza di sé

Scala & Relatività

Cosa sto cercando? Di cosa penso di aver bisogno? Di chi?

Koinè 2.0

Evolvere

Biografia P.D. Ouspensky

Cena & Aperitivo intenzionale

L’Arte del Risveglio

La Legge del Tre

Oltre la meccanicità

Requisiti per iniziare a Lavorare

L’Ottava Nota

Incontro online in video conferenza aperto a tutti

Il cammino interminabile

Lavorare con tre centri: polpette di ceci!

Olismo

Invito alla ricerca e al viaggio

Trasformazione della Sofferenza

Biografia di G.I. Gurdjieff

L’arte della ricapitolazione

Comprensione

La natura del pagamento

ZEROCHIACCHIERETOUR

Incontro online aperto: Trovare la gioia nel Lavoro

Fuoco Mistico

Lascia un commento