Serata di Sant’Agostino


TERZO MERCOLEDÌ
DI OGNI MESE
dalle ore 20:30 alle 21:30 (circa)
in videoconferenza online dal vivo

Una serata speciale in cui vengono affrontate questioni e situazioni più personali. Essendo un incontro più intimo del ‘seminario’ è richiesta sensibilità e capacità di ascolto. La serata viene chiamata di Sant’Agostino in quanto richiama vagamente il processo della ‘confessione’ cristiana. La confessione a cui noi siamo qui interessati, tuttavia, è di tipo esoterico e non religioso. Ci sono delle semplici ‘regole’ da seguire che vengono ricordate all’inizio di ogni incontro.

Il Maestro anni fa mi raccontò questa storia.
Un giorno un allievo andò dal suo maestro Zen e gli disse: “Maestro, ho un problema!”.
Il maestro, che era ad occhi chiusi in stato di meditazione, rimase imperturbabile. Dopo alcuni minuti aprì gli occhi, lo guardò e gli disse: “Mettilo qui sul tavolo”.
L’allievo rimase qualche minuto in silenzio, poi ringraziò il maestro e con calma se ne andò.

Il mio maestro interpretò la storia in questo modo: poiché l’allievo non poteva mettere il problema sul tavolo, in quanto irreale, capì che l’unico modo per lavorarci era lasciarlo andare e non identificarsi con esso.

La mia interpretazione è leggermente differente: se in effetti il problema è irreale, non c’è nulla di cui parlare, in quanto esso non esiste. Ma spesso non è così in quanto dal nostro punto di vista, o dal punto di vista del nostro livello d’essere, il problema è molto reale. In questo caso, l’unico modo per capire/comprendere/vedere è mettere le cose sul tavolo e cioè, esprimere brevemente  e con semplicità quello che sentiamo/proviamo/percepiamo rispetto ad una determinata situazione ed essere aperti ad un sincero confronto al fine di mettere fine – una volta e per tutte – all’illusione del problema. Questo per me è un modo più consapevole di lavorare.

Non basta dire: questa vita è una illusione. Da un punto di vista fisico/materiale non è così, è estremamente reale. Possiamo dire che l’esistenza fisica è illusoria dal punto di vista del Sé, esattamente come i sogni sono irreali per la mente razionale ma questo non vuole dire che l’esistenza fisica o i sogni siano ‘irreali’. Relatività.

Non è quindi una serata in cui portare i propri ‘problemi’ o lamentele, al contrario: è una serata in cui si cerca di acquisire degli strumenti di lavoro atti ad uscire fuori da situazioni che sono per noi oggettivamente difficili e per cui una forte seconda e terza linea è necessaria. Potremmo definire la serata di Sant’Agostino una sorta di ‘seconda linea’ condivisa, cioè lavoro intenzionale con gli altri membri del gruppo.

Sarà Fabrizio Agozzino a moderare la serata.

DONAZIONE
15 euro per i membri-esploratori
Incluso per i membri-allievi

Sia i workshops che i seminari vengono registrati – solo ed esclusivamente per i soci – ed è eventualmente possibile visionarli anche successivamente per coloro che avranno avuto difficoltà a seguire un determinato incontro. Le serate di Sant’Agostino invece non verranno registrate e non saranno quindi disponibili successivamente per i soci dell’associazione.

Il giorno stesso dell’incontro verrà inviato un link che basterà cliccare pochi minuti prima che inizi l’evento per collegarsi.

La piattaforma utilizzata è Zoom (simile a Skype). È possibile che al primo collegamento il sito richieda di effettuare una breve registrazione che potrà essere eseguita con pochi minuti.

Scarica l’applicazione per Apple
Scarica l’applicazione per Android

Scarica il modulo di adesione

Per saperne di più su come funziona
Visiona i prossimi eventi dell’Associazione


Casa Koinè

Lascia un commento