Recensione Film

L’ultimo uomo nero a San Francisco

Set 22, 2019 No Comment
L’ultimo uomo nero a San Francisco – 2019

Oggi parleremo de “L’ultimo uomo nero a San Francisco” uscito nelle sale statunitensi nel giugno del 2019 e prodotto da Brad Pitt.

Il film è stato diretto da Joe Talbot. Il soggetto del film è dello stesso regista insieme all’attore principale Jimmie Fails. Il regista è anche coinvolto nella sceneggiatura coadiuvato dallo scrittore Rob Richert, al suo primo lungometraggio.

Gli attori principali sono: Jimmie Fails, Jonathan Majors, Rob Morgan, Tichina Arnold, Mike Epps, Finn Wittrock, Danny Glover e Jamal Trulove.

Perché considero questo film di natura esoterica e quali sono i temi principali trattati:

– l’uomo è costituito da tante parti, o tanti ‘io’ come li definisce il sistema della Quarta Via.
– l’uomo è identificato con la sua storia.
– l’uomo mente costantemente a se stesso.
– l’uomo è rinchiuso dentro una scatola che in parte ha costruito egli stesso e in parte gli è stata costruita intorno fin dalla nascita.
– l’uomo ha la possibilità di rompere la ‘sua’ scatola e quindi fuggire.
– l’uomo può essere paragonato ad una casa.
– andare oltre la propria casa/natura.

Interessanti i riferimenti a Grotowski e Stanislavskij.

Per maggiori info sul film clicca qui

Buona visione,
Fabrizio Agozzino

You Might Also Like

Le strane coincidenze della vita

Mr. Nobody

Whiplash

L’Ottava Nota

La ballata di Buster Scruggs

Knight of Cups

Capharnaüm 

Lascia un commento