Articoli Recensione Film

L’Ottava Nota

Nov 12, 2019 No Comment
L’Ottava Nota – 2014

Boychoir, uscito in Italia nel 2014 con il nome de “L’ottava Nota”, è un ottimo film sia da un punto di vista della sceneggiatura – Ben Ripley – della direzione – François Girard – che della recitazione. Eccellente cast: Dustin Hoffman, Kathy Bates, Eddie Izzard, Debra Winger e il giovane Garrett Wareing. Boychoir mi ha ricordato un altro film, forse più intenso e in personalità, intitolato ‘Whiplash’ anch’esso uscito nelle sale italiane nel 2014.

Tecnicamente parlando, non sento che Boychoir possa essere annoverato tra i film di natura ‘esoterica’. Come nella maggior parte di questi film, lo svolgimento e il finale sono abbastanza prevedibili, così come sono prevedibili e stereotipati alcuni personaggi. Al tempo stesso, Boychoir è un film che parla di qualcosa di molto profondo e di essenziale ed è questa cosa che ha stimolato la seguente recensione: il dono.

Nel film, è una ‘voce’ pura ed angelica il dono che il giovane Stet ha ricevuto. Il ruolo di Dustin Hoffman nei panni di Carvell, conduttore ed insegnante della “National Children’s Choir”, è quello di fungere da coscienza ed impedire che tale dono venga sprecato. Il signor Carvell sta al grillo parlante, come il giovane Stet sta a Pinocchio. Il film quindi ha stimolato la seguente domanda e riflessione: come usare il dono e non essere usati e consumati da esso?

Uno dei ‘drammi’ di chi riceve un dono, qualsiasi esso sia e a qualsiasi livello, è quello di realizzare che il dono non appartiene alla persona – cioè alla maschera – ma all’essenza. Se una persona non è profondamente consapevole del dono che ha ricevuto – al di là del fatto che ne abbia diritto o meno – e non ne trae vantaggio ad un livello profondo, come uno spettatore interessato, sarà semplicemente uno strumento nelle mani di forze inconcepibili che devono trovare ‘soggetti’, anche inconsapevoli, attraverso cui manifestarsi.

Insegnante: “Quella voce, quel suono, in realtà non ti apparteneva, l’avevi presa in prestito e hai dovuta lasciarla andare”.
Stet: “Ma allora, qual è il senso di tutte le lezioni e di tutto il lavoro che ho fatto?”
Insegnante: “…le lezioni…”

Il dono è davvero un dono o è il risultato di influenze ed impressioni passate? Mi pare un nodo fondamentale. Se il dono che uno riceve non è un regalo, ma il coronamento di sforzi precisi in una determinata direzione, allora è davvero importante essere consapevoli che qualsiasi sia il nostro dono, esso è l’inevitabile risultato di tanti sforzi intenzionali compiuti anche e soprattutto nel passato. Questa visione dovrebbe aiutarci a nutrire l’atteggiamento interiore – e a donarci la forza – di accettare che il dono, oltre ad essere ricevuto, deve essere ‘riconosciuto’ ed ‘accettato’. Una sorta di tecnica per ‘incassare’ il credito con il passato… o Karma positivo.

Da questo punto di vista, credo che il dono più grande che una persona possa ricevere sia quello di un anima pronta per il vero Lavoro interiore che possa condurre all’emancipazione dalla schiavitù della meccanicità.

Buona visione,
Fabrizio Agozzino

Per saperne di più sul film ‘Boychoir’ clicca qui.
Per il film ‘Whiplash’ clicca qui.

You Might Also Like

Cena & Aperitivo intenzionale

Sfide esoteriche

Auto osservazione e conoscenza di sé

Scopi ed Esercizi

Buddha ha detto

L’arte della ricapitolazione

Trarre profitto da tutto

Requisiti per iniziare a Lavorare

Scuole e gruppi di lavoro

Scala & Relatività

Trasformazione della Sofferenza

Oltre la meccanicità

Le strane coincidenze della vita

Olismo

La ballata di Buster Scruggs

Karma individuale

Bisogno di menzogna!

Anno sociale 2018-2019

Invito alla ricerca e al viaggio

La natura del pagamento

Incontro online aperto: Trovare la gioia nel Lavoro

Capharnaüm 

Il Diavolo

Lavorare con tre centri: polpette di ceci!

Cosa sto cercando? Di cosa penso di aver bisogno? Di chi?

Oltre il Sogno

Whiplash

Mr. Nobody

Per breve tempo

Tempo Esoterico

Comprensione

ZEROCHIACCHIERETOUR

Fuoco Mistico

Knight of Cups

L’ultimo uomo nero a San Francisco

Incontro online in video conferenza aperto a tutti

Guadagnare da ogni esperienza

Biografia P.D. Ouspensky

L’arte della condivisione: lavorare con Whatsapp

Etica e Quarta Via

La fede nel Lavoro

Koinè 2.0

Evolvere

Biografia di G.I. Gurdjieff

Note sulla decisione di dedicarsi al Lavoro

Lascia un commento