Articoli Recensione Film

Le strane coincidenze della vita

Ott 31, 2019 No Comment
I Heart Huckabees – 2004

“I Heart Huckabees” è un film indipendente americano uscito in Italia con il nome “Le strane coincidenze della vita” nel 2004. Accade spesso con film ‘particolari’ che lo sceneggiatore, il regista e il produttore siano riuniti in un unica figura; “I Heart Huckabees” non fa eccezione ed infatti David O. Russell è la mente dietro a questo interessante film, unico nel suo genere. Se non ci fossero persone che davvero sentissero e credessero pienamente in un progetto alternativo, nessuno prenderebbe mai il rischio – elevato in questo caso – di un flop al botteghino. Da un punto di vista economico il film non è stato un errore, ma nemmeno un successo.

Dato il soggetto complesso e un pò folle, il regista e produttore ha pensato bene – proprio per controbilanciare l’alto rischio d’insuccesso al botteghino – di raccogliere un cast di assoluto valore: Jason Schwartzman, Jude Law, Mark Wahlberg, Naomi Watts e un giovanissimo Jonah Hill (The Wolf of Wall Street).

Dustin Hoffman, Lily Tomlin e Isabelle Huppert sono ‘detective esistenziali’ che approcciano la vita e l’evoluzione da due punti di vista apparentemente distanti e opposti: secondo il duo Hoffman-Tomlin tutto è interconnesso e per mezzo dell’amorevolezza e della comprensione è possibile sentire ‘il tessuto del lenzuolo’ – come lo chiama Hoffmann – in contrapposizione con l’insegnamento diretto, spietato e crudele della Huppert.

I due ‘protegidi’ di questa storia sono Albert Markovski – Jason Schwartzman – e Tommy Corn – Mark Wahlbeg, che si confronteranno entrambi, sia insieme che separatamente, prima con la teoria della coppia Hoffman-Tomlin e poi con quella della Huppert.

Direttamente e indirettamente si fa costantemente riferimento alla necessità di vedere le cose con distacco e da uno stato di consapevolezza differente che possa permettere l’accettazione e la trasformazione della sofferenza. Entrambi gli insegnanti sono spietati, anche se i loro metodi divergono, e la lotta sia interiore che esteriore che lo spettatore vive per mezzo dei due ‘allievi’, per quanto divertente e irriverente, trasuda di verità e dolore. Ho apprezzato che pur essendo un film profondo riesce a rimanere leggero e a far sorridere.

Man mano che i due allievi e compagni di viaggio vanno attraverso la fase di ‘smantellamento’ della personalità e quindi il de-condizionamento della società e della famiglia, sono costretti dagli eventi a testare per conto proprio la veridicità delle due filosofie di vita, per realizzare – infine – che utilizzando gli giusti strumenti e filtri le due metodologie non sono in contrapposizione ma sovrapponibili.

Parafrasando il poeta persiano Hafez: “L’amore non è sempre dolce, ma è dolce imparare ad amare”.

Buona visione,
Fabrizio Agozzino

Per saperne di più sul film clicca qui

You Might Also Like

L’arte della condivisione: lavorare con Whatsapp

Trasformazione della Sofferenza

Sfide esoteriche

Incontro online in video conferenza aperto a tutti

Il Diavolo

Cena & Aperitivo intenzionale

ZEROCHIACCHIERETOUR

Karma individuale

Incontro online aperto: Trovare la gioia nel Lavoro

Cosa sto cercando? Di cosa penso di aver bisogno? Di chi?

Evolvere

Requisiti per entrare a far parte della Koinè

Koinè 2.0

Biografia P.D. Ouspensky

Lavorare con tre centri: polpette di ceci!

Scuole e gruppi di lavoro

Seminario di settembre

L’arte della ricapitolazione

Oltre la meccanicità

La fede nel Lavoro

Etica e Quarta Via

Fuoco Mistico

Oltre il Sogno

Comprensione

La ballata di Buster Scruggs

Bisogno di menzogna!

Knight of Cups

Guadagnare da ogni esperienza

Trarre profitto da tutto

La natura del pagamento

Per breve tempo

Anno sociale 2018-2019

Olismo

Note sulla decisione di dedicarsi al Lavoro

Capharnaüm 

Biografia di G.I. Gurdjieff

L’Ottava Nota

Buddha ha detto

Invito alla ricerca e al viaggio

Mr. Nobody

L’ultimo uomo nero a San Francisco

Lascia un commento